GIORNALISMO · ATTUALITÀ · STORIA
Seguimi sui social:
Lo Zar di carta

Torniamo al 24 febbraio 2022. La Russia invade militarmente alcune province orientali dell’Ucraina. Probabilmente avrebbe dovuto essere una guerra lampo. Una annessione facile, come quella della Crimea nel 2014. Questo sperava il Cremlino. Sbagliando. Non immaginava una efficace reazione militare di Kiev. Che, invece, c’è stata. E la guerra è ancora in corso. Il che...

Ardeatine, “tumultuaria ferocia”

Roma, 24 marzo 1944. Sono trascorsi ottant’anni. Non si può dimenticare quel giorno. Oggi il presidente dell Repubblica Sergio Mattarella ha reso solenne omaggio al Mausoleo delle Fosse Ardeatine. Al di là dell’omaggio doveroso, è un bene che, nell’anniversario dell’eccidio di 335 innocenti, vittime della rappresaglia seguita all’attentato dei GAP a via Rasella contro il...

Notturno libico, una donna, un uomo

Non so se a Zanzùr (Ğanzũr) siano rimaste tracce del «camposanto ebreo-cristiano biancheggiante di lapidi sul colle solatio che domina il mare». Dubito. Ma non posso esserne certo. Ci sono passato, ma non ci ho fatto caso. Si andava a Sabrata e non ho proprio pensato che il quel paesino, che ora non è che...

Matteotti intellettuale “tradito”?

Quasi cent’anni fa, il 10 giugno 1924, veniva rapito e ucciso Giacomo Matteotti, socialista riformista, deputato dal 1922, fieramente antifascista. Il suo cadavere fu trovato il 16 agosto. Oggi primo marzo, al Museo di Roma – Palazzo Braschi, si apre la mostra Giacomo Matteotti, vita e morte di un padre della democrazia, curata da Mauro...

Gli autogol si pagano

Se una coalizione politica al governo, in una tornata elettorale regionale, raccoglie il 48,8% dei voti e il suo candidato alla presidenza – Truzzu – prende il 45%, e perde, non c’è molto da almanaccare. Questo è accaduto in Sardegna. Il centrodestra ha perso, male. Ha vinto Todde, con il 45,40. Spiccioli, si può dire....