GIORNALISMO · ATTUALITÀ · STORIA
Seguimi sui social:

L’arte del riciclo del savio Saviano

Ottobre 8, 20220

Wikipedia dixit: <The Guardian fa parte del gruppo di quotidiani in lingua inglese considerati stampa di riferimento per accuratezza e imparzialità di esposizione>. E se lo dice Wikipedia noi ci crediamo. Noi in senso generico. Cioè il vastissimo pubblico dell’enciclopedia libera. Talvolta accurata. Talaltra meno. Ma è gratis…

Comunque il Guardian, che in realtà è uno storico quotidiano inglese di orientamento laburista, per far capire qualcosa ai suoi elettori di dove sta andando l’Italia dopo la vittoria elettorale di Giorgia Meloni, siccome ci tiene a essere imparziale e, immagino, autorevole, chiede un parere a un imparziale opinionista italiano, Roberto Saviano, diventato famoso per aver scritto Gomorra, pur avendo scopiazzato qua e là senza citare la fonte. Tant’è che è stato condannato per plagio.

Da “Il Mattino”

Non me ne sarei accordo se la sua autorevole opinione non fosse stata ripubblicata in Italia da “La Stampa”, anch’esso noto quotidiano imparziale e autorevole. È un po’ curioso – ho pensato – che la Stampa non abbia l’esclusiva, ma capita che un articolo sia contestualmente pubblicato da più quotidiani in base a un accordo editoriale. Ci può stare. Buon per Saviano che ha ottenuto un contratto del genere.

Oggi, 8 ottobre, la Stampa apre la prima pagina con il titolo “Meloni, lo scudo di Mattarella”. Corretto. Perché, dopo vari interventi sguaiati di esponenti politici stranieri,  il presidente della Repubblica, che non è uno spettatore, ha ricordato a chi non avesse capito che “l’Italia sa badare a se stessa”. A commento, Ugo Magri firma un pezzo titolato “Il giusto altolà a ingerenze esterne”. Così è. E potrebbe finire qui, in attesa che si riuniscano le Camere elette e, poi, lo stesso Mattarella affidi l’incarico di formare il nuovo governo.

Ma… c’è un ma. Alla Stampa questa cosa qualcuno non deve averla presa benissimo. Fors’anche perché il quotidiano cugino “la Repubblica” (entrambi gruppo GEDI) ha pensato bene di pubblicare, sempre oggi, un sondaggio, dal quale emerge che il gradimento per la Meloni premier in pectore da settembre a oggi è cresciuto dal 41% al 53%, mentre – se si rivotasse – il suo partito guadagnerebbe un altro 0,4%, arrivando al 26,4. Invece il Pd scenderebbe dal 19,1 al 17,8, a vantaggio dei 5Stelle. Un sondaggio un po’ prematuro, credo, ma questo è.

Pensa che ti ripensa, alla Stampa è venuta un’idea. Bisogna parare il colpo, ci vuole un pezzo che bilanci. Ed ecco apparire, sotto il commento di Magri, un bell’intervento di Saviano. Titolo: <Ma questa destra è un rischio europeo>.

Riepilogando, nell’ordine: “Meloni, lo scudo di Mattarella”; “Il giusto altolà alle ingerenze estere”; “Ma questa destra è un rischio europeo”. Il pacchetto è completo. Equilibrio ci vuole, non scherziamo.

Penso che abbiano chiesto a Saviano di correre rapidamente alla tastiera. Bilanciare bisogna, a costo di “smentire” il presidente della Repubblica. Scelta legittima. Il giornalismo è libero, le opinioni pure.

Ma non è andata così. Perché il pezzo di Saviano non è apparso oggi sul Guardian. È un riciclo. Il pezzo sul quotidiano inglese è uscito il 24 settembre scorso, cioè alla vigilia della tornata elettorale. Siccome il Guardian è un giornale e non un ministro inglese, o francese o tedesco, non si tratta di ingerenza. Ma certo che è difficile trovare un articolo così fitto di luoghi comuni come il pregevole commento dell’esperto di plagio. Comincia così: <Giorgia Meloni rappresenta un pericolo per l’equilibrio della democrazia in Europa. La sua leadership sembra l’antitesi di ciò di cui l’Italia ha davvero bisogno>. Potete immaginare il resto. O consultarlo. Sia correndo in edicola a comprare la Stampa, sia leggendo qui l’originale: https://www.theguardian.com/world/commentisfree/2022/sep/24/giorgia-meloni-is-a-danger-to-italy-and-the-rest-of-europe-far-right

Potrei cavarmela con il classico è la stampa, bellezza! Ma un po’ di indignazione ci sta. Mi viene persino il dubbio che Saviano sia ignaro del “riciclo”. Anche questo è possibile.

Ps. Non condivido il titolo, perché non si tratta di un “obolo” ad personam di Draghi, ma questa notizia su Saviano è simpatica:

https://www.veritaeaffari.it/cronaca/saviano-impoverito-dal-covid-e-draghi-lo-aiuta-con-10-mila-euro/

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Gianni Scipione Rossi  Codice Fiscale: RSSSPN53S09M082R © Tutti i diritti sono riservati